gototopgototop
Home > Storia e Cultura

Il Centro antico di Napoli: Storia e Cultura - Parte terza

Il popolo, dal canto suo invece, che era sfuggito alla morte, reagì alla calamità solamente ricercando le forme più tangibili del godimento dei sensi e l’appagamento dei più materiali bisogni di quella vita che stava sul punto di perdere.

I valori morali e religiosi venivano ipocritamente considerati solo nel senso di moltiplicare le iniziative e le spese per concretizzare segni di riconoscenza al potere Divino (Barocco) e non, invece, in quello di ricercare e soddisfare le esigenze spirituali attraverso la correttezza delle azioni e dei comportamenti.

Furono dipinte in quegli anni sopra le Porte della città (Porta S.Gennaro, Porta Capuana, Porta Nolana) raffigurazioni in onore di Santi protettori, erette guglie (S.Gennaro, S.Domenico, Immacolata); svolte processioni e feste. Tutte manifestazioni puramente esteriori, a fini propiziatori di tipo pagano, con cui si cercava di mettere a posto la propria coscienza. Tale aspetto trova conferma nel carattere di estrema superstizione del popolo napoletano. Basti pensare che le tre gravi sciagure del ‘600: Eruzione del Vesuvio del 1631, Rivolta di Masaniello del 1647 e Peste del 1656, furono vissute dai napoletani come una “punizione” inflitta da Dio.

In conclusione, il fatto significativo di questo periodo sul piano storico, è costituito dalla mancata ristrutturazione urbana, negli anni successivi alla peste, e dal riprodursi delle condizioni di alta densità edilizia ed abitativa, ma accanto a questo, va anche registrato il rimaneggiamento formale del tessuto urbano, secondo il gusto Barocco. Napoli acquista così quei caratteri corali dell’ambiente urbano che, arricchiti e completati nei decenni successivi, costituiranno gli elementi peculiari della sua immagine.

Con la venuta a Napoli di Carlo III di Borbone(10 maggio 1734) il Regno di Napoli ritornò indipendente. Si crearono, finalmente, le premesse socio-politiche per una generale trasformazione, ma ancora una volta non furono tentate complessive soluzioni urbane. Ad ogni modo è indubbio che la presenza dl Re, un più vivo e continuo contatto con i maggiori Centri Europei ed il diffondersi dell’Illuminismo e di una Cultura ispirata a modelli francesi, determinarono il generale risveglio dal provincialismo del periodo vicereale.

Nel Regno Borbonico Napoli divenne, con le scoperte di Ercolano(1738) e di Pompei(1748), la capitale mondiale dell’arte classica. Furono costruiti edifici progettati dai maggiori architetti italiani dell’epoca che, quantunque per la loro imponenza contribuissero a dare alla città un aspetto di capitale a livello Europeo, rispondevano alle nuove esigenze di fasto della corte, piuttosto che alle più profonde ed urgenti necessità del popolo napoletano.



 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Login



Contatore Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi73
mod_vvisit_counterIeri112
mod_vvisit_counterQuesta settimana185
mod_vvisit_counterScorsa settimana817
mod_vvisit_counterQuesto mese2216
mod_vvisit_counterMese scorso2740
mod_vvisit_counterTotali249608

Oggi: Ago 20, 2018